Libro sul comò?

Discussioni varie a sfondo musical operistico... ma non solo
Rispondi
Avatar utente
barrientos85
Messaggi: 403
Iscritto il: 23 gen 2011 19:31

Re: Libro sul comò?

Messaggio da barrientos85 » 16 giu 2020 11:55

Tosca ha scritto:
09 giu 2020 10:56


Intanto mi rigiro tra le mani Una vita come tante, di Hanya Yanagihara. Enorme tomo che comprai, in tempo di delirio Kindle, solo per l'editore e per la foto di copertina.
Lo comprai anch’io qualche tempo fa, spinta dal consiglio di un’amica che me ne parlava in modo entusiastico. Non sono andata oltre le prime pagine.


Roberta

Avatar utente
Misia
Messaggi: 2694
Iscritto il: 21 ott 2010 17:36
Località: Lazio

Re: Libro sul comò?

Messaggio da Misia » 17 giu 2020 14:35

Tosca ha scritto:
15 giu 2020 11:00
Misia: io!
Lessi Quaderno proibito, La bambolona e Nessuno torna indietro. Questi ultimi due mi fecero meno impressione del primo che, pur essendo io parecchio giovane, mi turbò molto.
Era decisamente, per me, una scrittrice molto volta alle donne, la definirei anche abbastanza "audace" per i tempi.
I suoi libri devono essere finiti nelle scatole di libri che detti via al momento del trasloco. Poco tempo fa cercavo di ricomprare Quaderno proibito, poi non ne feci di nulla.
Tosca, ne ero sicura! :D
Mi sembra che i suoi libri non si trovino facilmente, per ora me li tengo in lista.
Dio non gioca a dadi con l'universo.
A. Einstein

Il Cosmo è anche dentro di noi. Siamo fatti di materia stellare. Noi siamo la via attraverso la quale il Cosmo conosce se stesso.
C. Sagan

Avatar utente
Tosca
Messaggi: 28337
Iscritto il: 13 lug 2001 14:27
Località: Viareggio

Re: Libro sul comò?

Messaggio da Tosca » 22 giu 2020 07:34

I misteri di Firenze ovvero Le prime tre inchieste di Carlo Alberto Marchi, di Gigi Paoli.
Il primo libro lo avevo già letto ma l'offerta Kindle di pochi giorni fa era troppo allettante e per € 1,99 mi sono assicurata anche gli altri due.
Le storie sono piacevoli, scorrevoli, "veritiere" (l'autore è stato per 15 anni responsabile della cronaca giudiziaria fiorentina per La Nazione), ambientate in luoghi che conosco bene e per questo mi piacciono ancora di più.
Lo consiglio anche come "guida turistica" per una Firenze un po' diversa dal solito: nel raccontare i vari posti in cui si svolgono le storie, tutti maniacalmente corrispondenti al vero, vengono fatte alcune "note" o storiche, o artistiche o semplici curiosità.
Immagine

Mala tempora currunt sed peiora parantur

Marilisa Marilì Lazzari

Rispondi