Pappano rinnova a Santa Cecilia

per discutere di tutto quel che riguarda la musica strumentale
marco_
Messaggi: 314
Iscritto il: 21 gen 2018 14:19

Pappano rinnova a Santa Cecilia

Messaggio da marco_ » 22 lug 2019 20:50

Sono mesi turbolenti per la musica in Italia, Santa Cecilia si distingue: http://www.santacecilia.it/notizie/tutt ... o2023.html

Era possibile un non rinnovo, sono convinto che sia andata nel modo migliore. Pappano non è il direttore sinfonico più raffinato del pianeta, nemmeno fra i primi quindici, ma cura come pochi il suono e la continuità della sua orchestra, oltre a offrirle prestigio che si traduce in sponsor, dischi e tournée (senza cui direttori ospiti di alto livello e programmi di un certo calibro sarebbero impraticabili). Infine i possibili successori oggi sarebbero stati mediocri o un azzardo.



Avatar utente
Puck
Messaggi: 2355
Iscritto il: 17 set 2012 21:43
Località: Pordenone

Re: Pappano rinnova a Santa Cecilia

Messaggio da Puck » 23 lug 2019 11:21

marco_ ha scritto:
22 lug 2019 20:50
Pappano non è il direttore sinfonico più raffinato del pianeta, nemmeno fra i primi quindici, ma cura come pochi il suono e la continuità della sua orchestra, oltre a offrirle prestigio che si traduce in sponsor, dischi e tournée (senza cui direttori ospiti di alto livello e programmi di un certo calibro sarebbero impraticabili). Infine i possibili successori oggi sarebbero stati mediocri o un azzardo.
Mi sembra una sintesi perfetta. Qualche settimana fa mi davano per certa la designazione di Dudamel come successore.
How now, spirits?

Twitter @paololocatelli

violamargherita
Messaggi: 1250
Iscritto il: 16 feb 2011 00:19

Re: Pappano rinnova a Santa Cecilia

Messaggio da violamargherita » 24 lug 2019 08:28

Puck ha scritto:
23 lug 2019 11:21
marco_ ha scritto:
22 lug 2019 20:50
Pappano non è il direttore sinfonico più raffinato del pianeta, nemmeno fra i primi quindici, ma cura come pochi il suono e la continuità della sua orchestra, oltre a offrirle prestigio che si traduce in sponsor, dischi e tournée (senza cui direttori ospiti di alto livello e programmi di un certo calibro sarebbero impraticabili). Infine i possibili successori oggi sarebbero stati mediocri o un azzardo.
Mi sembra una sintesi perfetta. Qualche settimana fa mi davano per certa la designazione di Dudamel come successore.
Una ipotesi da primo di aprile.

Avatar utente
Berlioz
Messaggi: 22125
Iscritto il: 03 giu 2003 11:36
Località: Amsterdam

Re: Pappano rinnova a Santa Cecilia

Messaggio da Berlioz » 14 ago 2019 11:14

violamargherita ha scritto:
24 lug 2019 08:28
Puck ha scritto:
23 lug 2019 11:21
marco_ ha scritto:
22 lug 2019 20:50
Pappano non è il direttore sinfonico più raffinato del pianeta, nemmeno fra i primi quindici, ma cura come pochi il suono e la continuità della sua orchestra, oltre a offrirle prestigio che si traduce in sponsor, dischi e tournée (senza cui direttori ospiti di alto livello e programmi di un certo calibro sarebbero impraticabili). Infine i possibili successori oggi sarebbero stati mediocri o un azzardo.
Mi sembra una sintesi perfetta. Qualche settimana fa mi davano per certa la designazione di Dudamel come successore.
Una ipotesi da primo di aprile.
Pare che Coro e orchestra sprizzino entusiasmo da tutti i pori per la riconferma....
Al sesso non si applica il Principio di Esclusione di Pauli.

violamargherita
Messaggi: 1250
Iscritto il: 16 feb 2011 00:19

Re: Pappano rinnova a Santa Cecilia

Messaggio da violamargherita » 14 ago 2019 11:31

Berlioz ha scritto:
14 ago 2019 11:14
violamargherita ha scritto:
24 lug 2019 08:28
Puck ha scritto:
23 lug 2019 11:21

Mi sembra una sintesi perfetta. Qualche settimana fa mi davano per certa la designazione di Dudamel come successore.
Una ipotesi da primo di aprile.
Pare che Coro e orchestra sprizzino entusiasmo da tutti i pori per la riconferma....
Non ne possono più, in realtà. Ma di Dudamel pensano ancora peggio.

Avatar utente
Giulio Santini
Messaggi: 545
Iscritto il: 02 mar 2016 17:29

Re: Pappano rinnova a Santa Cecilia

Messaggio da Giulio Santini » 14 ago 2019 11:41

Anni addietro mi è capitato di conoscere un operatore video che mi raccontava come Pappano - direttore che, per inciso, questa persona riteneva di notevolissimo livello artistico - fosse inquadrabile soltanto con estrema misura per la bruttezza e la sprecisione del gesto (infatti appare pochissimo rispetto agli orchestrali, nei concerti trasmessi da Rai5). Io non l'ho mai ascoltato dal video, ma forse si deve pensare che l'antipatia dell'orchestra sia dovuta anche alla difficoltà di tenergli dietro?

daphnis
Messaggi: 1765
Iscritto il: 17 mag 2014 10:01

Re: Pappano rinnova a Santa Cecilia

Messaggio da daphnis » 14 ago 2019 12:44

Sarà pure ma gli esiti, sul puro piano strumentale, della sua direzione sono da anni semplicemente strepitosi (l'inteprete ha congenialità e non-congenialità). L'orchestra è sempre stata ben tenuta dai suoi direttori. Con Pappano è veramente nel novero di quelle che, a livello mondiale, contano. Personalmente ritengo Pappano un mostro assoluto della direzione d'opera (la recente Forza del Destino è stata una conferma) perchè in possesso di un fortissimo senso del "teatro in musica", è peraltro efficacissimo anche nel "sinfonico" quando coglie di getto e d'istinto musicale il suo obbiettivo. La sua forza è proprio nella perfetta autocoscienza di una natura musicale non portata a chissà quali profondità di lettura, ma straordinariamente immmediata, intuitiva più che intellettuale. Pappano non finge di essere ciò che non è (come, in vecchiaia, hanno fatto un paio di suoi illustri colleghi, diventati interpretativamente pedanti), proprio per questo risulta "vero". Gli autori che favoriscono questo approccio lo trovano a suo pieno agio (non per nulla del suo generalmente valido Mahler, l'esito massimo resta forse la straordinaria lettura "di getto" della Sinfonia Nr1, il "Titano" che lasciò stupefatti anche i viennesi, quando la portò in tournèe al Musikverein con i ceciliani). Altri meno (vedi il discontinuo esito delle "sue", talora troppo "elaborate", Nove di Beethoven).
Non mi risultano tutte queste "antipatie": mi risulta un grande amore da parte del pubblico. Gesto brutto? Sinopoli (altro direttore legato a Santa Cecilia) l'aveva altrettanto brutto, ma anche con lui le orchestre avevano una "resa" pazzesca. Questa storia della bellezza del gesto è molto relativa (vedasi il massimo esempio di tutti i tempi, Furtwaengler: un "non gesto"...).
Poi, certo, in senso più generale Pappano sta un po' contraddicendo se stesso: qualche tempo fa, ebbe a far notare che i rapporti fra un direttore ed una istituzione non dovrebbero in linea di massima superare la durata di dieci anni. Ma proprio questo, a mio avviso, è il "sintomo" di una necessità. Ho, infatti, un'impressione differente. Ho letto, anche qui sul forum, molte lodi alla prossima stagione di Santa Cecilia. Mah, io trovo che quella appena conclusa (cui son stato abbonato) è stata, sì, eccezionale. La prossima, 2019-2020 (per la quale non ho rinnovato, riservandomi di scegliere alcuni concerti) salvo la clamorosa apertura con Berlioz e qualche notevole episodio, vede Santa Cecilia tirare un attimo il fiato, affidandosi molto al suo stabile e riducendo un filo il prestigio complessivo dei direttori ospiti, rispetto ad un 2018-19 di "nomi" straordinari passati in sfilata sul podio dell'Auditorium. Ci sta (anche lì, pur meno che altrove, chi sovrintende deve saper far di conto), però mi pare un dato di fatto.

marco vizzardelli
Ultima modifica di daphnis il 16 ago 2019 14:40, modificato 1 volta in totale.

violamargherita
Messaggi: 1250
Iscritto il: 16 feb 2011 00:19

Re: Pappano rinnova a Santa Cecilia

Messaggio da violamargherita » 15 ago 2019 06:19

daphnis ha scritto:
14 ago 2019 12:44
Sarà pure ma gli esiti, sul puro piano strumentale, della sua direzione sono da anni semplicemente strepitosi (l'inteprete ha congenialità e non-congenialità). L'orchestra è sempre stata ben tenuta dai suoi direttori. Con Pappano è veramente nel novero di quelle che, a livello mondiale, contano. Personalmente ritengo Pappano un mostro assoluto della direzione d'opera (la recente Forza del Destino è stata una conferma) perchè in possesso di un fortissimnop senso del "teatro in musica", è peraltro efficacissimo anche nel "sinfonico" quando coglie di getto e d'istinto musicale il suo obbiettivo. La sua forza è proprio nella perfetta autocoscienza di una natura musicale non portata a chissà quali profondità di lettura, ma straordinariamente immmediata, intuitiva più che intellettuale. Pappano non finge di essere ciò che non è (come, in vecchiaia, hanno fatto un paio di suoi illustri colleghi, diventati interpretativamente pedanti), proprio per questo risulta "vero". Gli autori che favoriscono questo approccio lo trovano a suo pieno agio (non per nulla del suo generalmente valido Mahler, l'esito massimo resta forse la straordinaria lettura "di getto" della Sinfonia Nr1, il "Titano" che lasciò stupefatti anche i viennesi, quando la portò in tournèe al Musikverein con i ceciliani). Altri meno (vedi il discontinuo esito delle "sue", talora troppo "elaborate", Nove di Beethoven).
Non mi risultano tutte queste "antipatie": mi risulta un grande amore da parte del pubblico. Gesto brutto? Sinopoli (altro direttore legato a Santa Cecilia) l'aveva altrettanto brutto, ma anche con lui le orchestre avevano una "resa" pazzesca. Questa storia della bellezza del gesto è molto relativa (vedasi il massimo esempio di tutti i tempi, Furtwaengler: un "non gesto"...).
Poi, certo, in senso più generale Pappano sta un po' contraddicendo se stesso: qualche tempo fa, ebbe a far notare che i rapporti fra un direttore ed una istituzione non dovrebbero in linea di massima superare la durata di dieci anni. Ma proprio questo, a mio avviso, è il "sintomo" di una necessità. Ho, infatti, un'impressione differente. Ho letto, anche qui sul forum, molte lodi alla prossima stagione di Santa Cecilia. Mah, io trovo che quella appena conclusa (cui son stato abbonato) è stata, sì, eccezionale. La prossima, 2019-2020 (per la quale non ho rinnovato, riservandomi di scegliere alcuni concerti) salvo la clamorosa apertura con Berlioz e qualche notevole episodio, vede Santa Cecilia tirare un attimo il fiato, affidandosi molto al suo stabile e riducendo un filo il prestigio complessivo dei direttori ospiti, rispetto ad un 2018-19 di "nomi" straordinari passati in sfilata sul podio dell'Auditorium. Ci sta (anche lì, pur meno che altrove, chi sovrintende deve saper far di conto), però mi pare un dato di fatto.
marco vizzardelli
Ho solo affermato che gli orchestrali non ne possono più e hanno altri desiderata in fatto di direzione musicale. Se i Berliner si stufarono di Karajan, è ben possibile che i Ceciliani si siano stufati di Pappano.

daphnis
Messaggi: 1765
Iscritto il: 17 mag 2014 10:01

Re: Pappano rinnova a Santa Cecilia

Messaggio da daphnis » 16 ago 2019 14:47

Ho sempre molta paura (vedi Scala e non solo) dei "desiderata", veri o presunti, degli orchestrali.
All'epoca alcuni nella vecchia orchestra Rai di Milano consideravano il genio Vladimir Delman un mezzo rimbambito. Quanto agli scaligeri... c'è tutta una letteratura di esternazioni e giudizi sui quali sorvolerei...
Santa Cecilia è, mediamente, fra le "sagge" orchestre. Ma, a questo punto, sarei curioso: chi desidererebbero, al posto di Pappano, se è vero che desidererebbero? Ne sa qualcosa, la nostra Viola?

marco vizzardelli

marco_
Messaggi: 314
Iscritto il: 21 gen 2018 14:19

Re: Pappano rinnova a Santa Cecilia

Messaggio da marco_ » 09 ott 2019 06:07

In attesa del Requiem di Berlioz che apre la stagione questa settimana, è stata annunciata l’apertura della prossima sempre con Pappano: Maestri Cantori.

Rispondi