Coronavirus e teatri aperti

Discussioni: per i neofiti che vogliono togliersi dei dubbi e per gli esperti che vogliono approfondire...
Rispondi
daphnis
Messaggi: 1899
Iscritto il: 17 mag 2014 10:01

Re: Coronavirus e teatri aperti

Messaggio da daphnis » 20 mar 2020 22:30

Sia la domanda di fraaa sia la risposta di cabaletta, mi sembrano umanissime (tutti ci facciamo domande e proviamo a risponderci, sulle nostre passioni e diletti, ma su ben altro) ma senza certezza, per lo stesso identico motivo: io oggi, stasera, non sono in grado di dire cosa avverrà - in senso totale - quest'estate. Semplicemente non ho i mezzi per dirlo. Non so neppure se domani o fra una settimana sarò qui a scrivere... figurarsi se so se l'Arena di Verona farà l'Aida


marco vizzardelli



Avatar utente
marcob35
Messaggi: 633
Iscritto il: 07 set 2017 16:59
Contatta:

Re: Coronavirus e teatri aperti

Messaggio da marcob35 » 20 mar 2020 23:35

"I teatri del mondo al tempo del Coronavirus"
(video di 3 minuti)



Anche qui: https://drive.google.com/file/d/16M36LX ... sp=sharing
Non leggo mai le critiche degli altri. (Paolo Isotta)

Avatar utente
marcob35
Messaggi: 633
Iscritto il: 07 set 2017 16:59
Contatta:

Re: Coronavirus e teatri aperti

Messaggio da marcob35 » 21 mar 2020 09:37

Jeff Alexander, Presidente della Chicago Symphony Orchestra Association comunicando la chiusura dell'organismo, riporta la lettera inviata da Riccardo Muti dall'Italia:

“Ai cittadini di Chicago, al meraviglioso pubblico della Chicago Symphony Orchestra ed al pubblico di tutte le istituzioni culturali della città.

I miei pensieri sono con voi, che, come tutti noi in Italia e in gran parte d'Europa, stiamo vivendo stavolta senza il cibo spirituale della cultura in generale e della musica in particolare. Sono certo che supereremo questo momento difficile, e il mio desiderio è che tutti i cittadini di Chicago e il nostro pubblico restino ottimisti. I miei pensieri e quelli dei miei connazionali sono con voi, ricordando che siamo tutti fratelli e sorelle “.


Il Presidente Jeff ha dato l'arrivederci al prima possibile, invitando a seguire sui Social le notizie e i programmi in linea dell'istituzione.
Non leggo mai le critiche degli altri. (Paolo Isotta)

Avatar utente
Amfortas_Genova
Messaggi: 397
Iscritto il: 04 mag 2014 18:31
Località: Genova

Re: Coronavirus e teatri aperti

Messaggio da Amfortas_Genova » 21 mar 2020 11:46

A Ginevra tagliano già le recite di settembre. Sarà un anno duro per noi appassionati.
«Few men think; yet all have opinions»
Berkeley

Avatar utente
marcob35
Messaggi: 633
Iscritto il: 07 set 2017 16:59
Contatta:

Re: Coronavirus e teatri aperti

Messaggio da marcob35 » 21 mar 2020 13:33

Amfortas_Genova ha scritto:
21 mar 2020 11:46
A Ginevra tagliano già le recite di settembre. Sarà un anno duro per noi appassionati.
Del resto Sydney ha sospeso sino al 17 giugno e per quanto riguarda noi, visto come stanno le cose, non penso all'effettuazione del "Maggio" per esempio. Le date "ultime"-per chi vuole curiosare-nei diversi teatri mondiali sono molto diverse, talvolta collimano, alcuni sono "sine die" in sostanza. Farebbe eccezione l'Opera di Tokyo (https://www.nntt.jac.go.jp/english/calendar/), ma il Giappone (dati del 20.3, *) avrebbe numeri minimi di casi e decessi.
Bayreuth? Salisburgo 2020? Le stagioni 2020-21 (a cominciare dalla Scala), considerando i fattori tecnici e di programmazione?
Oggi un medico dopo aver disegnato e soppesato tutti gli scenari possibili (da chiusi a lungo, proviamo a riaprire etc.) ha scritto alla fine: "E qui mi fermo, perché le incertezze sono ancora troppe. Bisognerà aspettare".




* https://tg24.sky.it/mondo/2020/01/31/co ... ttiva.html
Non leggo mai le critiche degli altri. (Paolo Isotta)

Avatar utente
Amfortas_Genova
Messaggi: 397
Iscritto il: 04 mag 2014 18:31
Località: Genova

Re: Coronavirus e teatri aperti

Messaggio da Amfortas_Genova » 21 mar 2020 14:00

Con tanta fortuna il virus può mutare in un semplice raffreddore, come i coronavirus precedenti che attualmente causano circa il 10% dei raffreddori stagionali.
Oppure si può trovare il giusto mix di farmaci per bloccare la necrosi degli alveoli.
Se aspettiamo invece il vaccino se ne parla a fine 2021.

Nessuno può saperlo allo stato attuale 🤷🏻‍♂️
«Few men think; yet all have opinions»
Berkeley

Avatar utente
Amfortas_Genova
Messaggi: 397
Iscritto il: 04 mag 2014 18:31
Località: Genova

Re: Coronavirus e teatri chiusi

Messaggio da Amfortas_Genova » 22 mar 2020 11:34

Lungo intervento di Ludovic Tézier


https://www.forumopera.com/ludovic-tezi ... s-lyriques
«Few men think; yet all have opinions»
Berkeley

Avatar utente
marcob35
Messaggi: 633
Iscritto il: 07 set 2017 16:59
Contatta:

Re: Coronavirus e teatri aperti

Messaggio da marcob35 » 22 mar 2020 16:12

Sono significative e assimilabili le osservazioni riguardanti il Festival di Cannes, nell'articolo de "La Stampa" di oggi:

C’è un tempo per tutte le cose. Quello dei festival, in questo momento, sembra lontano e irripetibile. Anche, per questo, forse, le reazioni del mondo del cinema all’annuncio con cui, giovedì sera, il Festival di Cannes ha ipotizzato lo spostamento della rassegna a cavallo tra la fine di giugno e l’inizio di luglio, esprimono, come racconta «Variety», un misto di scetticismo, incertezza, malumore. Saltata la conferenza stampa con l’annuncio del programma, fissata per il 16 aprile, si attende ora il prossimo passo degli organizzatori, evidentemente divisi tra l’obbligo, sempre più probabile, di far saltare del tutto l’appuntamento, e la speranza, sempre più flebile, di poterlo semplicemente spostare.

La panoramica sui pareri dei produttori delinea un quadro di dubbi e paure: «Come si può immaginare - si interroga Gianluca Curti di «Minerva Pictures» - di far svolgere un festival come quello di Cannes alla fine di giugno? Chi potrebbe mai avere il coraggio di andare, tra giugno e luglio, a vedere un film in una sala come la Lumiere che conta oltre duemila posti? Io stesso non ci metterei piede, nemmeno con una doppia mascherina anti-Coronavirus». E poi, continua Curti, «chi mai si siederebbe a un tavolo per discutere con qualcuno che proviene da una nazione dove il virus è ancora attivo?». ​


https://www.lastampa.it/topnews/tempi-m ... 1.38623675
Non leggo mai le critiche degli altri. (Paolo Isotta)

ZetaZeta
Messaggi: 742
Iscritto il: 06 mag 2017 21:03

Re: Coronavirus e teatri aperti

Messaggio da ZetaZeta » 22 mar 2020 18:51

Sarebbe molto bello se le prossime stagioni, in autunno, potessero iniziare col festival di Bergamo.
Lo auguro ai bergamaschi di cuore, nel senso che sia finito tutto prima possibile, e a tutti noi.

Di Cannes, sinceramente, me ne importa il giusto.

Avatar utente
UltrasFolgoreVerano
Messaggi: 16691
Iscritto il: 23 dic 2001 21:42
Località: Verano Brianza (MI)
Contatta:

Re: Coronavirus e teatri aperti

Messaggio da UltrasFolgoreVerano » 22 mar 2020 19:46

ZetaZeta ha scritto:
22 mar 2020 18:51
Sarebbe molto bello se le prossime stagioni, in autunno, potessero iniziare col festival di Bergamo.
Lo auguro ai bergamaschi di cuore, nel senso che sia finito tutto prima possibile, e a tutti noi.
Davvero!

Rispondi