Don Carlo alla Fenice

Discussioni: per i neofiti che vogliono togliersi dei dubbi e per gli esperti che vogliono approfondire...
daphnis
Messaggi: 1784
Iscritto il: 17 mag 2014 10:01

Re: Don Carlo alla Fenice

Messaggio da daphnis » 25 nov 2019 10:43

"Carsen non è certo un cretino, vero, tuttavia credo ("credo" perché non ho visto la realizzazione) che sia molto più sottile, cupo, tragico l'intreccio originale che sottolinea sino alla fine le ambiguità politiche del rapporto tra chiesa e stato. L'Inquisitore che uccide tutti è, invece, solo un esito grandguignolesco e un po' rozzo (stile film di mafia americano) che oltretutto inciampa con il senso di altri momenti dell'opera: il dialogo Filippo/Inquisitore o il dialogo Posa/Filippo. La forza dell'Inquisitore, il suo potere, sta nel costringere a fare: lui non fa nulla, non si sporca le mani. Raccontata così, mi spiace, sarei stato dalla parte di chi fischiava il regista."


La considerazione di Dr Malatesta è, ripeto, una delle due reazioni possibili e pienamente legittime. L'altra è accettare il voluto arbitrio come spunto per riflettere, ed è stata la mia reazione. Non pretendo né "impongo" che Carsen abbia ragione o abbia fatto bene. Ma mi fa riflettere.

marco vizzardelli



Avatar utente
notung
Messaggi: 19929
Iscritto il: 07 nov 2004 23:10
Località: Trieste
Contatta:

Re: Don Carlo alla Fenice

Messaggio da notung » 25 nov 2019 11:02

Dr.Malatesta ha scritto:
25 nov 2019 10:19
Nel teatro d'opera invece si fa di tutto, perché - evidentemente - non lo si considera "teatro".
Personalmente credo sia esattamente il contrario :D
Detto questo, trovo - come Vizzardelli - che le tue considerazioni possano essere ragionevoli, allo stesso modo di chi considera questo Don Carlo (e il teatro di regia in generale) riuscito e intrigante.
La Spada di Sigfrido

http://amfortas.wordpress.com/

<<Sono responsabile di quello che dico non di quello che capiscono gli altri.>> Massimo Troisi, forse.

albertoemme
Messaggi: 1124
Iscritto il: 03 feb 2015 17:51

Re: Don Carlo alla Fenice

Messaggio da albertoemme » 25 nov 2019 11:58

A Malatesta preciso che i regolamenti finali, sono stati un blitz, alla fine dell'opera, per cui si possono discutere ma non hanno disturbato la musica.-
A Tebaldiano preciso che il cantante da Fenice é quello che, mi si consenta la metafora da ex ufficiale alpino, non deve lottare anche contro il fuoco amico per raggiungere l'obiettivo. Alla Scala Esposito, l'ottimo Pretti (squillante e colorito in acuto come nelle mezze tinte, appena riusciva a staccarsi dal suo mezzo non ingrato, ma nemmeno dolce e sensuale), la Simeoni (al contrario bellissimo timbro ma tutt'altro che sfogato -gli estremi acuti erano comunque più centrati del solito) non avrebbero brillato con dovizia di risultati sia negli assoli che negli ensemble.-
A Daphnis preciso invece che, visto dalla galleria sei stato spettacolare a posizionarti al centro della platea, quanto Robert Carsen a realizzare il Don Carlo di piombo che, nemmeno Paolo Grassi, dopo il Macbeth di rame era riuscito a produrre.-

daphnis
Messaggi: 1784
Iscritto il: 17 mag 2014 10:01

Re: Don Carlo alla Fenice

Messaggio da daphnis » 25 nov 2019 12:05

Trovata e acquistata mezz'ora prima dell'inizio in biglietteria una "platea" last minute, dopo che avevo prenotato online in galleria. Il tutto ha avuto un costo, visto che non son riuscito a vendere (né a regalare!) il biglietto di galleria. Ma per Venezia e per la Fenice, era più che dovuto, mi stanno nel cuore.

marco vizzardelli

albertoemme
Messaggi: 1124
Iscritto il: 03 feb 2015 17:51

Re: Don Carlo alla Fenice

Messaggio da albertoemme » 25 nov 2019 12:10

Allora ti hanno venduto uno dei due posti riservati alla sovrintendenza. Io non amo la platea ma quelle volte che sono sceso da abusivo so che quei due posti (cioé il tuo e quello a fianco) li tengono per ospiti con qualifica da vescovo in su.-

daphnis
Messaggi: 1784
Iscritto il: 17 mag 2014 10:01

Re: Don Carlo alla Fenice

Messaggio da daphnis » 25 nov 2019 12:45

Non son Vescovo e nemmeno Grande Inquisitore ma...il tutto ha fatto sì che io abbia assistito a Don Carlo accanto ad una plaudente e sempre sfolgorante, per bellezza e fascino, Raina Kabaivanska.


marco vizzardelli

ZetaZeta
Messaggi: 694
Iscritto il: 06 mag 2017 21:03

Re: Don Carlo alla Fenice

Messaggio da ZetaZeta » 25 nov 2019 13:27

Come scrivevo altrove, c'è a chi piace andare a teatro per Domingo e a chi per Carsen. L'importante è che i sacerdoti di questo non facciano gli inquisitori di quello. E poi, de gustibus...

Avatar utente
notung
Messaggi: 19929
Iscritto il: 07 nov 2004 23:10
Località: Trieste
Contatta:

Re: Don Carlo alla Fenice

Messaggio da notung » 25 nov 2019 15:44

Qui la mia opinione, per chi può interessare:

https://amfortas.wordpress.com/2019/11/ ... me-appare/
La Spada di Sigfrido

http://amfortas.wordpress.com/

<<Sono responsabile di quello che dico non di quello che capiscono gli altri.>> Massimo Troisi, forse.

Dr.Malatesta
Messaggi: 3190
Iscritto il: 23 gen 2008 14:06

Re: Don Carlo alla Fenice

Messaggio da Dr.Malatesta » 25 nov 2019 19:12

Eppure mi sembrava di essere stato pacato e rispettoso: mi spiace che non si possa mai avere uno scambio civile senza la solita polemica, senza essere inquadrati in presunti sostenitori di Domingo o di Carsen. Peccato, anche, che una critica ad una singola realizzazione venga sempre estremizzata e venga presa per una crociata contro Carsen o le regie moderne. Io non ho fatto l'inquisitore di nessuno, ho solo espresso dubbi su una scelta che - a mio avviso - indebolisce e banalizza la drammaturgia di Don Carlo. E ho considerato come nel teatro d'opera si tenda, anche da parte di registi importanti, a sottovalutare il valore teatrale e drammatico degli intrecci e ci si senta liberi di "ricostruire" a piacere la vicenda, cosa che normalmente non accade con il teatro di prosa dove nessuno si sognerebbe mai di riscrivere Re Lear o Il giardino dei ciliegi.
Matteo

fuor del mar ho un mare in seno

Avatar utente
notung
Messaggi: 19929
Iscritto il: 07 nov 2004 23:10
Località: Trieste
Contatta:

Re: Don Carlo alla Fenice

Messaggio da notung » 25 nov 2019 21:05

La nostra recensione, curata da Vittorio Mascherpa:

http://www.operaclick.com/recensioni/te ... -don-carlo
La Spada di Sigfrido

http://amfortas.wordpress.com/

<<Sono responsabile di quello che dico non di quello che capiscono gli altri.>> Massimo Troisi, forse.

Rispondi