Muti lascia Chicago

Discussioni: per i neofiti che vogliono togliersi dei dubbi e per gli esperti che vogliono approfondire...
Avatar utente
Ruan Ji
Messaggi: 1361
Iscritto il: 29 ott 2011 14:13
Località: Shanghai

Re: Muti lascia Chicago

Messaggio da Ruan Ji » 18 nov 2019 03:49

E tuttavia, permettetemi di esprimermi alla buona e con intenzione pratica, altri due o tre o cinque anni in più di Muti alla Chicago che cosa potrebbero offrire ancora al mondo della musica, all'universo dell'interpretazione o, restringendo enormemente il campo, a me come ascoltatore?
Per me e' incomparabile l'idea (speranza, aspirazione) che ormai ottuagenario torni a concentrare le sue energie, che non sembrano dar segno di cedimento, sull'Italia dove intorno alla sua figura potrebbero essere costituiti veri e propri eventi operistici fra Firenze, Milano e magari Napoli, eventi di quelli che muovono i bus degli amanti dell'opera, che fanno esplodere i blog, che fanno parlare di sè giornali e riviste, che polarizzano gli animi in uno spirito quarantottesco e barricadiero e pure un po' patriottardo. Mi rendo conto di esagerare, eppure pochi personaggi nel mondo lirico sinfonico hanno questa capacità di muovere le cose, e sarebbe coinvolgente vedergli spendere gli anni del suo tramonto in questo modo, piuttosto che in un buen retiro fra Chicago e Salzburg o nell' hortus conclusus di Ravenna.


Is music such a serious business? I always thought it was meant to make people happy.

albertoemme
Messaggi: 1124
Iscritto il: 03 feb 2015 17:51

Re: Muti lascia Chicago

Messaggio da albertoemme » 18 nov 2019 08:22

Eh sì è un gran personaggio. Ieri al bookshop del Teatro del Maggio ho acquistato Un ballo in maschera del 1974 con Tucker, Santunione e Bruson e se ne sentono delle belle anche se all’americano parecchio deve concedere.

Avatar utente
UltrasFolgoreVerano
Messaggi: 16621
Iscritto il: 23 dic 2001 21:42
Località: Verano Brianza (MI)
Contatta:

Re: Muti lascia Chicago

Messaggio da UltrasFolgoreVerano » 18 nov 2019 19:14

albertoemme ha scritto:
18 nov 2019 08:22
Eh sì è un gran personaggio. Ieri al bookshop del Teatro del Maggio ho acquistato Un ballo in maschera del 1974 con Tucker, Santunione e Bruson e se ne sentono delle belle anche se all’americano parecchio deve concedere.
Ci mancherebbe che Muti desse spazio ai desiderata di un mostro sacro come Tucker!!!

Rispondi